Dimissioni improvvise, ha detto basta: caos in Serie A

Panico in Serie A, il ds ormai ha deciso: è sempre più vicino alle dimissioni. La notizia arriva all’improvviso

Purtroppo a volte gli obiettivi prefissati non vanno a finire come si voleva, e in questo momento lo sta capendo anche Morgan De Sanctis, allenatore della Salernitana. Il club purtroppo viene da tre pesanti sconfitte di fila prima il 3-0 con la Fiorentina, poi l’1-2 contro il Bologna e nell’ultima giornata di campionato il 4-1 in casa dell’Atalanta.

La scelta del dirigente
Serie A, dimissioni decise (lapresse) calciotactics.it

Tre risultati per niente positivi che si aggiungono a tutti gli altri che hanno portato la Salernitana a posizionarsi all’ultimo posto in classifica con soli 8 punti, una situazione sicuramente difficile da gestire. In soccorso della società ha fatto ritorno Walter Sabatini che è pronto a ricominciare da capo lasciando il passato alle spalle così come il club stesso.

Visti i risultati negativi e il ritorno di Sabatini, tutti si chiedono quale sarà dunque il futuro di Morgan De Sanctis, direttore sportivo da sempre molto contestato e considerato dai tifosi uno tra gli artefici di questo disastroso girone d’andata. Effettivamente in molti l’avrebbero voluto via dopo la partita persa contro il Napoli per 0-2. Secondo quanto riportato da la Gazzetta dello Sport le dimissioni del ds non sembrerebbero essere così lontane, anzi.

De Sanctis ha deciso: ad un passo dalle dimissioni

La Gazzetta ha anche riportato che è in programma un incontro a Roma tra Iervolino, Milan e De Sanctis, al quale è stato chiesto di restare ma le intenzioni sembrerebbero più che chiare. Probabilmente le sue dimissioni potrebbero essere correlate anche al ritorno di Sabatini che ha conoscenze sufficienti per operare senza aiuti.

Ha deciso: vicino le dimissioni
Serie A, dimissioni decise (lapresse) calciotactics.it

Tra l’altro tra De Sanctis e Sabatini in passato non volarono belle parole. Il suo operato non ha entusiasmato più di tanto, infatti De Sanctis ha avuto uno scarso rapporto con la piazza e con gli allenatori che si sono succeduti sulla panchina granata, sono state spese cifre pari a 27 milioni di euro per una difesa che non era proprio all’altezza del campionato, calciatori a cui non è stata data fiducia, bocciati prematuramente o non riscattati, un mercato estivo quasi tutto sbagliato, pochissime cessioni quindi zero entrate cospicue.

Adesso bisognerà vedere anche la gara contro il Milan che si giocherà venerdì 22 dicembre alle 20:45, dopo questi risultati negativi adesso si spera in qualcosa di positivo per ritrovare un po’ di fiducia ma sarà difficile viste anche le motivazioni dei rossoneri che vogliono continuare a portare a casa vittorie.

Impostazioni privacy