Analisi tattiche, Serie A

Sassuolo-Benevento, l’analisi tattica

On Dicembre 14, 2020
By Vittorio Ortiz | 0 Comments

Al Mapei Stadium ,nel ricordo del grande campione Pablito Paolo Rossi , si affrontano due belle realta’ calcistiche provinciali. Avversario di  De Zerbi  il Benevento ,ricordo delle sue esperienze passate da allenatore ,dove ha lasciato un bel ricordo e dove ha iniziato a sperimentare  le basi del suo credo calcistico. Roberto De Zerbi ha allenato il Benevento in Serie A TIM conquistando sei vittorie e tre pareggi in 29 partite nella stagione 2017/18 (20 punti).  Il suo Sassuolo, un po’ appannato negli ultimi metri, causa anche le  numerosi assenze , deve necessariamente tornare a conquistare i tre punti.  .Infatti  i neroverdi sono ancora alle prese con l’infortunio di Caputo che dopo aver saltato l’ultimo match dell’Olimpico è ancora in forte dubbio ,ancora problemi anche per Romagna, Chiriches e Defrel . Nonostante lo stato di emergenza la  squadra emiliana   occupa le zone alte della classifica, mantenendo  la porta inviolata in quattro delle ultime cinque partite di campionato,oltre  ad  non aver  vinto nelle ultime tre partite interne di campionato (2N, 1P).La squadra di De Zerbi  non arriva a quattro sfide casalinghe di fila senza successi da marzo 2019.

In terra emiliana si presenta un  Benevento che  ha mantenuto la porta inviolata nelle ultime due trasferte  ,dimostrandosi squadra  sfrontata nella gara di Firenze ,ed a petto in fuori  e senza paura di fronte alla  Vecchia Signora, oltre che facendo bella figura anche contro gli emiliani del Parma.Sicuramente il lavoro del Mr Inzaghi fatto di continuo studio ed applicazione ,sta dando al momento dei buoni risultati ,in linea con le aspettative essendo ad una  relativa distanza di sicurezza   dalla zona retrocessione.L’ottimo  stato di forma  dei giallorossi e’ evidenziato anche dai dati ,infatti per la prima volta in Serie A TIM il Benevento è rimasto imbattuto per tre gare di fila (1vittoria , 2 pareggi ) e Filippo Inzaghi ha così raggiunto cinque risultati utili nelle sue prime 10 panchine con il Benevento nel massimo campionato, quota  invece  raggiunta da Roberto De Zerbi in 21 gare alla guida  in passato ,della squadra campana.

Sassuolo e Benevento si sono affrontate in serie A solamente in una stagione, quella del 2017/2018 dove  nel girone di andata i neroverdi si imposero al Ciro Vigorito per 2 a 1, con un gol allo scadere di Peluso.Il ritorno invece terminò in pareggio: 2-2 con doppiette di Politano e Diabatè.

                                                                                                            Formazioni

Modulo di Gioco a confrontoSassuolo:  Base 4-2-3-1     Fase possesso:  1-2/3-2-3      Fase non possesso: 1-4-3-2/1

     

                               

                                            Benevento : Base  4-3-2-1     Fase possesso :  1-3/4-2-1    Fase non possesso  : 1-4-3-2/1        1-4-3/3

Commento Tattico Match

Il Sassuolo parte decisamente bene ,ma non poteva essere diversamente considerata la maggiore qualita’ tecnica dei suoi uomini abituati al grande possesso palla,mentre il Benevento si rileva un po passivo e piu attento alla fase difensiva. Infatti i  centrali neroverdi vengono lasciati liberi di impostare, la linea difensiva  si trova spesso molto alta palla al piede. I principi  di De Zerbi  sono evidenti , Giocare per attrarre, aspettare la pressione dell’avversario prima di passare il pallone ad un compagno libero.  Se non c’è pressione si tiene ferma o si porta palla lentamente ( pianta del piede sopra la palla). La risalita del campo della squadra di De Zerbi è la creazione della superiorità posizionale: i difensori neroverdi si scambiano molte volte il pallone con passaggi brevi, rasoterra, coinvolgendo spesso anche Consigli. In contrapposizione i campani  nelle prime battute si preoccupano solamente  di imbottigliare gli emiliani nella loro meta’ campo . La prima pressione alta e’ l’arma di Mr Pippo , dedicata  al blocco /schermatura del player basso neroverde e dei “registi strategici  ed occulti difensivi ” dell ‘Ing. De Zerbi,. La tattica, in avvio, sembra dare buoni risultati ,tanto che al  6’ Lapadula (B) si avventa di testa su un pallone scodellato in mezzo da Caprari(B) su palla inattiva su lato destro offensivo sfiorando la rete.

Costruzione Sassuolo /Prima Pressione Benevento

Costruzione Sassuolo con coinvolgimento del portiere                                                                            

L’Atteggiamento del  Benevento costringe il Sassuolo al piano “B” ed a lavorare molto con i suoi difensori centrali che si vedono costretti a variare  il gioco su entrambe le catene  laterali in maniera continua .Ed proprio da una giocata  sinistra con una combinazione rapida tra Kyriakopoulos, Lopez ed Haraslin che porta all’azione del vantaggio emiliano.Dalla giocata Haraslin mette in condizioni di liberare Maxi Lopez in sovrapposizione  sul vertice sinistro della difesa del Benevento,il quale scodella un palla verso l’area di rigore ,costringendo il difensore sannita Tuia ad un ingenuo ma discutibile fallo di mano .Rigore  realizzato da Berardi e vantaggio per il Sassuolo .La squadra di De Zerbi,  ha giocatori molto abili  ad attaccare gli spazi in ampiezza, quasi  come se  all’improvviso cambiasse marcia.Il cambio campo e’ una strategia spesso molto utilizzata , così da isolare gli esterni offensivi  schierati a piede invertito ed andare a creare superiorità numerica grazie alle sovrapposizioni .Spostare il pallone da una fascia all’altra serve anche a sfruttare il lato debole del pressing avversario, una conseguenza inevitabile quando si esaspera il possesso, quindi si aumenta la densità in zona palla .

Guarda il video

https://dartfi.sh/N7uzdvBwjib

Giocata Laterale Sassuolo

Rigore Sassuolo

Da questo momento il Benevento cambia atteggiamento ,se prima spostare le giocate di De Zerbi verso l’esterno era una necessita’ della ricerca della “confort zone” ,adesso Inzaghi sposta in avanti il baricentro della sua squadra prendendo in mano il pallino del gioco .Sara’ Caprari a mettersi le responsabilita’ sulle spalle, ma purtroppo  spesso le sue conclusioni risultano imprecise.

In fase di costruzione, il Benevento cerca di non buttare mai la palla , l’azione parte sempre da una costruzione dal basso. Montipò si affida a Glik ,mentre Hetemaj e Schiattarella si abbassano per ricevere il pallone e far salire la squadra avversaria. Questo permette, quando c’è marcatura stretta sui centrocampisti sopra citati, di creare spazio fra la difesa e il centrocampo avversario. Quando, invece, i centrali di centrocampo ricevono smistando sul terzino ,una soluzione può essere quella della palla lunga sulla punta; punta che, intanto, si inserisce alle spalle della difesa.

Guarda il video

https://dartfi.sh/fwD7P7rSqyb

 

Costruzione Benevento

La grande organizzazione della squadra di Inzaghi  e l’immediato cambio di velocita’ dei suoi ragazzi ,sorprende gli emiliani ,i quali riescono dopo  un po’ a ritrovare  affannosamente di nuovo  il giusto equilibrio tra i reparti ,mentre le ripartenze del Benevento  impegnano non poco i difensori avversari, Lapadula e Improta sono motorini inesauribili  e Caprari aggiunge alla fisicità il suo valore tecnico. Il duo Lapadula-Caprari crea problemi avvicendandosi nella zona di rifinitura ,con l’obbiettivo di attirare fuori i rispettivi marcatori e aprire spazi alle spalle della difesa del Sassuolo. Lapadula è bravissimo a farsi trovare  sul cerchio di centrocampo e a mettersi a disposizione della squadra,  un grande spirito di sacrificio  ,ma anche anche grande fiuto tecnico tattico  per la ricerca della finalizzazione a rete.

Creazione spazio tra difesa e centrocampo avversario                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Lapdula in Zona Rifinitura                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

  Lapadula in zona rifinitura ed immediato attacco alla linea alle sue spalle                                           

De Zerbi non ama snaturare la sua squadra ,anche quando  come in questo Match le condizioni non sono favorevoli e l’atteggiamento della sua linea difensiva ne  e’ la riprova . Infatti la sua difesa e’ posizionata alta ,con il tentativo di mantenere corte le distanze con il reparto di collegamento avanzato .I problemi si rilevano quando gli avversari riescono a muoversi e a muovere la palla con velocità, dopo il recupero in zona alta e/o con un’azione sviluppata bene in verticale:  i due centrali   spesso soffrono le imbucate veloci, i tagli alle loro spalle in condizioni di parità o inferiorità numerica.In fase di prima pressione non si cerca  in genera l’attacco immediato dell’avversario ,ma l’azione di pressing si forza quando il pallone supera il centrocampo,  dove possono eseguiti piu’ facilmente i raddoppi e le scalate dei centrocampisti,e degli esterni.

Il primo tempo e’ divertente con tante occasioni da entrambe le parti .Kyriakopoulos ‘ il piu’ attivo per il  Sassuolo, protagonista spesso di combinazioni a ridosso dell’area di rigore gialorossa,mentre il reparto offensivo risente dell’assenza dei titolari del reparto avanzato. Il primo tempo si conclude  con Lapadula che poi ha la palla buona per il pareggio su palla inattiva a favore , dove Improta esegue una spizzicata sul primo palo ,sbuca sul secondo palo il centravanti e tenta una deviazione vincente un po’ goffa, ma il pallone esce. Pareva il Sassuolo dell’anno passato, abbonato a subire gol su palle inattive.

 Linea difensiva Sassuolo

Difesa delle punte-Prima Pressione Sassuolo

 

Nella ripresa i piani di De Zerbi vengono stravolti.Infatti al terzo minuto Haraslin  entra infelicemente ma in maniera involontaria  sulla caviglia di Letizia, entrata molto pesante sulla caviglia , l’arbitro viene convocato dal Var e cambia il cartellino inizialmente  giallo a rosso. Il tecnico “Ingegnere De Zerbi ” e’ costretto a riorganizzare il suo Sassuolo che si posiziona in campo con un modulo completamente difensivo  4-4-1 .Dall’altra parte Inzaghi  capisce che e’ necessario cogliere l’occasione della superiorita’ numerica concessa ,per riagguantare il risultato .  E’ una  doppia linea difensiva del Sassuolo quella che si oppone per tutta la ripresa agli arrembaggi delle “Streghe”.      Il Benevento scatena l’inferno dimostrando di avere una condizione atletica  che mette paura   al Sassuolo, mai così costretto a non poter giocare le sue carte con il suo gioco fatto di possesso palla. Tatticamente il Benevento e’ in una botte di ferro L’assalto è impressionante , Schiattarella domina a centrocampo, Letizia si esalta  nel doppio ruolo difensore e ala, Improta fa bene anche quando si abbassa da terzino visto gli innesti offensivi freschi inseriti da  Inzaghi (Insigne-Dabo-Falque -Sau ).Inzaghi si affida anche alle statistiche visto che l’attaccante Marco Sau ha segnato quattro gol contro il Sassuolo in Serie A TIM  .  Benevento a trazione anteriore con un modulo completamente offensivo  a quattro riferimenti avanzati ma l’assalto sbatte sulla traversa, quando Consigli è battuto, su tiro a giro di Iago Falque; sbatte sulla difesa arroccata e su un portiere, Consigli, che compie il suo capolavoro a poco dalla fine quando Lapadula svetta su un traversone e indirizza all’incrocio.

Saranno addirittura 36 i tiri in porta(record) tentati dai campani, fermati solamente dalla sfortuna più che dalla capacita dell’avversario che si e’ affidato ai miracoli del suo estremo difensore.

 

Guarda il video

https://dartfi.sh/9boT2sWOLf0

 

Doppia linea difensiva Sassuolo sul 4-4-1                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Veste inedita del Sassuolo che porta a casa i tre punti ,soffrendo  ed in condizioni   fisiche non ottimali,  rimane  nelle prime posizioni di classifica; l’assenza dei suoi giocatori di rilievo  e il movimento della prima punta Caputo si fa sentire .Un Sassuolo che da diverse gare non esprime il suo gioco come si  vorrebbe,gli avversari studiano il gioco propositivo di De Zerbi e sara’ necessario che l’ex tecnico del Benevento pianifichi delle strategie diverse,in quanto alla lunga potrebbe soccombere.

Assumere le vesti di piccola squadra ,non significa non avere ambizioni .

Grande figura al Mapei Stadium del Benevento di Inzaghi ,ottima organizzazione tattica sia nel reparto offensivo che difensivo,spirito di sacrificio ,ottimo giro palla e molte alternative a disposizione per la squadra dell’ex attaccante del Milan.

Lapadula e un tassello fondamentale per il Team giallorosso ,pero’ sara necessario acquisire maggiore freddezza sotto porta  in quanto a lungo andare potrebbe essere un problema per una squadra che deve raggiungere al piu’ presto la salvezza,ma ha tutte le carte in regola per la permanenza nel massimo campionato italiano.

 

Guarda il video

https://dartfi.sh/ElxCF3dDcbe

 

                                                                                                   Dati Statistici Match

 

0 comments on Sassuolo-Benevento, l’analisi tattica

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.