Analisi tattiche

Inter-Fiorentina analisi tattica

On Settembre 27, 2020
By Benedetto Greco | 0 Comments
Prima partita, prima vittoria per l’Inter di Conte, che ha portato a casa i tre punti grazie alla panchina mostruosa (dalla panchina sono entrati Sanchez, Vidal, Nainggolan, Sensi e Hakimi), ma c’è ancora tanto da lavorare per l’ex allenatore del Chelsea, che dovrà plasmare la sua squadra facendo scelte controverse.

Ieri aveva iniziato con Kolarov e D’Ambrosio braccetti difensivi, Barella e Brozovic a centrocampo, Perisic e Young quinti, Eriksen trequartista. Il serbo ha denotato tutte le sue mancanze in fase difensiva, Perisic è stato poco influente sul gioco dei nerazzurri, Eriksen è sempre a metà fra la grande prestazione e l’anonimato.

Piccola precisazione: non ho parlato di Fiorentina, ma la squadra di Iachini avrebbe meritato qualcosa in più. Nelle prossime settimane farò un focus solo sui toscani, per oggi ci concentriamo sui nerazzurri.

 

inter-fiorentina

 

Come visto anche nel post-lockdown, Barella aziona una giocata codificata da Conte per far partire l’azione da dietro. Il centrocampista ex Cagliari si abbassa, D’Ambrosio (che sarebbe il centrale di destra) si allarga in fascia

Quando la palla arriva a Barella, Lukaku viene incontro alla manovra e si va subito dal belga in verticale, la giocata a muro è per Young, che da esterno di fascia si è accentrato nel mezzo spazio destro ed attacca il campo in diagonale.

L’obiettivo per l’Inter non è solo quello di saltare la pressione avversaria, ma anche quello di occupare più spazi in verticale possibili. Qui D’Ambrosio ancora una volta si è alzato a destra, Young ha stretto centralmente, Lukaku lavora sul centrale, dall’altro lato fa la stessa cosa Lautaro, con Brozovic addirittura che si è alzato nella posizione di trequartista

Il problema continua a rimanere la posizione di Eriksen. Ieri era schierato da trequartista ma ha toccato troppi pochi palloni (59, il sesto della squadra) e non nella zona che gli è più congeniale. È comunque un fattore quando scende in campo, ma a un certo punto ha dovuto spostarsi più sul lato sinistro del campo per sfuggire alla marcatura di Amrabat.

Kolarov è stato abbastanza disastroso in fase difensiva, ma abbiamo visto anche perché Conte lo vuole come centrale difensivo. Qui si alza praticamente fino a centrocampo… e scaturisce un’altra azione codificata. Lautaro viene incontro, Brozovic si allarga a sinistra, Perisic si stringe verso il centro e attacca la profondità.

 

Alla fine a vincere la gara è stata la panchina pazzesca dell’Inter. Qui vediamo la sorta di 4-3-1-2 messo in campo da Conte, con Sensi vertice basso del rombo, Nainggolan e Vidal mezzali, Sanchez trequartista, le due punte, ed Hakimi (decisivo nell’assist a Lukaku) sempre largo a destra.
0 comments on Inter-Fiorentina analisi tattica

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.